CHE BEL PERIODO Cari Concittadini,
sarebbe bello che questo periodo non finisse mai. Stiamo assistendo a fenomeni mirabilanti,
la cui concentrazione nel tempo e nella nostra città fa pensare ad un che di
soprannaturale.
Se non ci credete, pensate solo a quello che è accaduto in questa settimana.
Come forse ricorderete, alcuni mesi or sono, avevamo fatto un appello ai nostri politici per
un’azione comune, tesa al completamento della tangenziale, con il collegamento tra via
Roma/ via vic. due trappeti e la provinciale Galatina/Copertino. Avevamo individuato una
variante che, seguendo il tracciato di una via ed un ponte campestre già esistente,
potenziato ed ampliato con circa un milione di euro, potesse consentire di eliminare i
passaggi livello delle FSE, permettendo l’accesso diretto all’Ospedale. Nessuna risposta è
pervenuta per mesi. Ma, come per incanto, ecco la notizia che la Giunta regionale
avrebbe stanziato ben tre milioni per l’eliminazione dei passaggi a livello della nostra città,
tramite la realizzazione di ben tre sottopassaggi. Attendiamo di conoscere i dettagli del
progetto, dato che l’opera è stata fino ad ora impedita dalla presenza della linea elettrica
interrata Italia/Grecia, e dunque dalla necessità di non oscurare mezzo territorio ellenico.
Per ora godiamoci il sapore di questa conquista.
Inoltre, due giorni fa, la Giunta Comunale, dopo circa due anni di inutile attesa dopo lo
stanziamento delle somme, ha finalmente approvato il progetto esecutivo per la
realizzazione delle palestre delle scuole elementari di via Arno a Galatina, e di via Biella a
Collemeto. Quale genitore di due bambini frequentanti la scuola elementare di via Arno,
unisco il mio giubilo a quello degli altri genitori che, finalmente, avranno una palestra per i
propri bambini, e vi assicuro che la mia felicità non sarà minimamente offuscata dal timore
che la reale realizzazione possa essere “rallentata” dalla conclusione di questo periodo di
grazia.
Infine, mai come in questo periodo l’Ospedale di Galatina è stato al centro dell’attenzione
mediatica. Abbiamo assistito a passeggiate salvifiche per le corsie del nosocomio di
candidati presidenti e consiglieri, un tempo strenui difensori del riordino ospedaliero di
Emiliano, ed oggi, melius re perpensa, aspramente critici; anche se alcuni con una dubbia
coerenza, continuano a sostenere la ricandidatura di Emiliano.
Unica nota stonata e di cattivo gusto, una filippica gratuita intentata da un candidato,
sull’etica, sulla coerenza e sul rispetto delle regole del nostro movimento. L’occasione è
stata la veniale esuberanza nell’apporre i manifesti del nostro candidato, non su muri,
strutture o luoghi impropri, ma sulle plance dedicate alle affissioni elettorali. Per quanto
dubiti della legittimità delle lamentele, dal momento che l’identificazione degli spazi
assegnati alle liste è avvenuta solo ieri, mi sono preoccupato di richiamare i ragazzi più
esuberanti del mio movimento ad una più sobria condotta, pur comprendendo che la
gioventù e la passione politica spesso porta a questo, come chiunque ha fatto politica
movimentista e partecipata , e organizzato campagne elettorali, ben sa. Lasciamo, però,
stare l’etica e i giudizi sui candidati. Il mio candidato non ha bisogno di essere difeso,
perché le azioni e le politiche di Paolo Pagliaro e del Movimento Regione Salento negli ultimi dieci anni, sono sotto gli occhi di tutti: a sostegno della nostra economia salentina, di
una sanità vicina ai cittadini, della difesa e sostegno dei più deboli, perchè nessuno deve
rimanere indietro, e la difesa del Salento dalle amministrazioni locali e dalle politiche
baricentriche. Noi non diamo giudizi su cambi di posizioni politiche o coerenza nelle scelte,
e ci rallegriamo che sempre più eminenti politici di ogni schieramento si siano ricreduti sulle
sciagurate politiche di Emiliano. Il mio invito è a confrontarci sui programmi, perché certe
filippiche, più che indispettirci, oltre che denotare pochezza di argomenti, scadono nel
ridicolo.
Avv. Francesco Colaci
Coordinatore Movimento Regione Salento di Galatina

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares