Oggi, come ogni “wind day” (giorno di vento), a Taranto le polveri dei parchi minerali hanno preso il volo ed hanno ricoperto la città, in alcuni video amatoriali possiamo vedere la nube tossica e mortale che raggiunge gli alberi, le strade e le case. Un fenomeno conosciuto bene soprattutto dagli abitanti del quartiere popolare Tamburi che non possono uscire o andare a scuola quando si presentano tali condizioni. A nulla sono valsi 300mln di Euro di coperture, una farsa per continuare a fare profitto privato mentre si avvelenano persone e natura. L’attuale rapporto fra popolo e aziende private non ha più niente di positivo da offrire ai Tarantini. La ricerca del profitto privato ha reso questa fabbrica un ricatto, con il benestare di destra, centro-sinistra, 5stelle e sindacati confederali, che nulla contano rispetto ai padroni. Essi hanno messo il coltello alla gola di cittadini e lavoratori. Ora che anche la promessa del lavoro, al grande costo della salute, della vita e di altre produzioni (come quelle agricole ed ittiche) viene a mancare, rimane solo da lottare per una società diversa, guidata dall’interesse collettivo e non dal profitto di pochi sulle spalle dei più.

Il sistema attuale, il Capitalismo, fatto di privatizzazioni, sfruttamento e sversamento delle casse pubbliche in quelle private non potrà mai coniugare tutti gli interessi della collettività, il sistema che vogliamo noi, il socialismo, invece si.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares